Vecchi smartphone: da Gennaio senza Whatsapp

Dal prossimo anno i possessori di smartphone con sistemi operativi datati avranno una brutta sorpresa. Su questi smartphone non sarà più possibile utilizzare Whatsapp, una delle applicazioni di messagistica più utilizzata al mondo. La decisione è stata presa per  “concentrare i nostri sforzi sulle piattaforme mobili che la stragrande maggioranza delle persone usa” e poter quindi proseguire nel processo di ammodernamento delle funzionalità delle applicazioni.

Vediamo quali saranno i sistemi operativi che non potranno più utilizzare Whatsapp dal prossimo anno.

Whatsapp si rinnova: stop ai vecchi smartphone

Quello che al momento pare certo è che Whatsapp smetterà di funzionare, da Gennaio 2017, per i seguenti sistemi operativi: BlackBerry OS e BlackBerry 10, Nokia S40, Nokia Symbian S60, Android 2.1 e Android 2.2, Windows Phone 7, iPhone 3GS/iOS 6. Difficile quantificare quanti saranno gli italiani interessanti dal cambiamento: quello che è certo è che questa è una decisione particolarmente importante.

L’azienda di messaggistica ha consigliato i suoi utenti in questo modo: “Se utilizzate uno dei dispositivi mobili interessati, consigliamo di aggiornare a un nuovo Android, iPhone, o Windows Phone prima della fine del 2016 per continuare ad usare WhatsApp. WhatsApp estenderà il supporto per i sistemi operativi BlackBerry, BlackBerry 10, Nokia S40 e Nokia Symbian S60 fino al 30 giugno 2017“.

La volontà è quella di concentrarsi sul rinnovamento e sulle nuove funzionalità, difficilmente supportabili dai vecchi sistemi operativi. A trarne vantaggio potrebbero essere le principali app concorrenti pronte a colmare un vuoto per coloro che non potranno più utilizzare Whatsapp a partire dal prossimo anno.

Intanto, dopo l’arrivo delle videochiamate, l’app di messaggistica torna a pensare al futuro. Bisognerà aspettare ancora per capire quali saranno le novità, dal punto di vista delle funzioni, che Whatsapp ha in cantiere per i suoi utenti.

Autore dell'articolo: Diego Allegri

Lascia un commento