Novità app: sfida la gravità con Swirl

Oggi vi presentiamo un nuovo gioco disponibile sia per dispositivi iOS che Android: si tratta dell’app Swirl che potrà regalarvi divertenti momenti di svago. Lo scopo del gioco è piuttosto semplice ma riuscire nell’impresa richiede precisione, coordinazione e attenzione. L’app prevede due modalità di gioco: la prima “Classic” a livelli, la seconda “Infinity” con una giocabilità potenzialmente senza fine. Vediamo come funziona questa nuova applicazione.

Come si gioca a Swirl

Lo scopo del gioco, in Swirl, è quello di guidare la pallina verso l’obiettivo finale. Per farlo bisognerà superare degli ostacoli ma soprattutto sfidare e sfruttare a proprio vantaggio la forza di gravità. Nella modalità classic troverete la vostra pallina sospesa in aria e un cerchio rotante sotto di essa. Il vostro scopo sarà quello di far precipitare la pallina all’interno dell’apertura del cerchio per raggiungere la sua destinazione finale. Già dal secondo livello del gioco, però, le cose si complicano dal momento che i cerchi sa superare diventeranno due. Per prima cosa dovrete superare il primo facendo in modo che la pallina cada sul cerchio più vicino all’obiettivo. A questo punto dovrete superare il secondo cerchio: per farlo vi basterà spostare la pallina sul lato interno del primo cerchio e attraversare l’apertura anche del secondo ostacolo. Mano a mano che avanzerete nei livelli non solo il numero di cerchi aumenterà ma si aggiungeranno alcuni ostacoli mobili che dovrete essere bravi ad evitare durante il vostro percorso.

Nella modalità Infinity dovrete invece cercare di portare la vostra pallina il più in alto possibile battendo, ogni volta, il vostro stesso record. Ogni piano raggiunto vi farà guadagnare un punto ma avrete anche un altro compito ovvero quello di raccogliere le stelle gialle sparse lungo il percorso.

Dove trovare Swirl

Swirl è disponibile per il download gratuito sia sull’App Store per dispositivi iOS che sul Google Store per dispositivi Android.

Autore dell'articolo: Marina Cappelletti

Lascia un commento